Smontaggio

L'Expo.02 è stata concepita fin dall'inizio come un'esposizione temporanea. La Confederazione, i Cantoni ospitanti e i Comuni hanno quindi utilizzato l'intera gamma di strumenti di legge sulla pianificazione per garantire che tutto sparisse senza lasciare traccia una volta terminate le celebrazioni. Anni prima dell'inizio dei lavori, lo smantellamento totale era già regolamentato nei piani di quartiere, nei permessi di costruzione e nei contratti con gli appaltatori generali, e inoltre era assicurato con garanzie bancarie, oltre a essere costellato da requisiti draconiani di protezione ambientale.

I creatori di Expo.02 sono stati così sollevati dall'onere di dover permettere all'architettura di vivere in forma mutata dopo l'estate dell'esposizione, sia come quartiere urbano (Esposizione Universale di Siviglia 1992), sia come spazio polifunzionale (Millennium Dome di Londra 2000) o come padiglioni espositivi (Esposizione Mondiale di Hannover 2000). Ironia della sorte, è stato proprio il senso dell'ordine svizzero a richiedere il verdetto della pianificazione senza lasciare traccia nel futuro. Ma è stata proprio questa rinuncia a un utilizzo successivo a rendere possibile la grande libertà di progettazione e quindi i voli della fantasia architettonica. 

E gli edifici hanno ricevuto un'ampia e positiva risposta, fin dall'apertura dell'Expo.02, nonostante gli anni di conflitto che hanno preceduto l'evento. E quanto più si avvicinava la fine dell'Expo, il 20 ottobre 2002, tanto più cresceva l'interesse per la conservazione, tanto più aumentavano le richieste e le sollecitazioni per preservare almeno le icone. Improvvisamente dovevano rimanere in piedi le torri con il Ponte dell'elica a Biel-Bienne, il Monolite a Murten-Morat, la Nuvola a Yverdon-les-Bains o i Galet e il Palais d'Equilibre a Neuchâtel. Per quanto irrealistici, questi desideri mostravano l'identificazione con l'architettura dell'Expo.02. Tuttavia, gli edifici dell'Expo.02 sono stati realizzati con un'unica struttura. Tuttavia, gli edifici dell'Expo.02 non erano soggetti alle stesse condizioni della Torre Eiffel o dei cimeli delle gloriose esposizioni mondiali di Siviglia, Lisbona o Londra. Fin dall'inizio, le quattro Arteplages sono state collocate nelle aree ricreative più attraenti delle rispettive città. Le aree lacustri sono protette da divieti di costruzione. Le licenze definitive per gli edifici temporanei dell'Expo non possono essere ottenute, o solo con lunghe decisioni di riorganizzazione. E poiché lo smantellamento era previsto nei contratti fin dall'inizio, sarebbe stato necessario annullare i contratti a cascata. 

Anche l'architettura sperimentale e prototipale è stata costruita solo come soluzione temporanea. Soprattutto per ragioni di costo, molti degli edifici erano solo costruzioni in muratura. Le costruzioni in ferro non sono state trattate contro la ruggine. L'ottimizzazione coerente per una durata limitata a 159 giorni di esposizione ha reso molto più difficile qualsiasi utilizzo successivo. Le piattaforme nei laghi non sono state progettate per una vita utile più lunga e per carichi variabili dovuti alle fluttuazioni climatiche. Le misure di prolungamento della vita avrebbero richiesto interventi massicci, tra cui rifondazioni sotto la linea del gelo o l'uso di materiali protettivi e isolanti. Inoltre, poiché gli edifici sono stati completati con budget limitati, non esistevano riserve finanziarie per investimenti successivi. Oltre al fatto che questi miglioramenti successivi a volte costano più della costruzione stessa.

Ruedi Rast, Direttore Tecnico, Architecture.Expo.02, 2003

Smontaggio